Indizio n.101 Bibbia CEI 2008: “Anche il termine ‘mammona’ sostituito dai traduttori: vero e proprio depistaggio teologico” di INVESTIGATORE BIBLICO

Lc 16,1-13

Devo segnalare un grave errore di traduzione nel Vangelo di questa Domenica, nel quale il termine utilizzato nella versione 2008 della CEI sradica di netto il vero e originale messaggio di Gesù.

Andiamo a vedere la differenza.

CEI 1974: “Non potete servire a Dio e a mammona” (Lc 16,13b)

VULGATA: “Non potestis Deo servire et mammonae” (Lc 16,13b)

CEI 2008: “Non potete servire Dio e la ricchezza” (Lc 16,13b).

Nel testo originale greco il termine (traslitterato) è “mamona”.

Dunque la Cei 2008 ha tradotto con “ricchezza”, ciò che per le altre versioni è rimasto semplicemente “mammona”.

Perché ciò? Errore di ignoranza? Non credo. Io faccio la mia riflessione poi ognuno di voi tragga le sue conclusioni.

Intanto bisogna capire chi è “mammona”.

Mammona non è semplicemente la “ricchezza”. Ma è il “demonio” della ricchezza. E’ un demone che ha origine nella mitologica caldeo-siriaca e che veniva anticamente invocato per avere ricchezza, potere, lusso e benessere sfrenato.

Per questo Gesù non antepone a Dio la semplice ricchezza. Ma dice: non puoi servire Dio e mammona. Non puoi servire Dio e il demonio. Non puoi servire Dio e un idolo.

Infatti, la “ricchezza” in sé non è malata. E’ l’uso che spesso si fa della ricchezza che può diventare malato, quando diventa un servire il demonio.

Come la sessualità. Dio ha creato la sessualità per il bene. Ma esiste anche il demonio della sessualità, che si chiama Asmodeo (cfr Libro di Tobia), che la distorce, e che cerca in tutti i modi di infangare e distruggere un dono così grande voluto da Dio.

Purtroppo oggi questo demonio di nome “mammona” viene ancora invocato da tante persone. Dico seriamente. Ci sono persone che acquistano talismani di “mammona”, pensando in questo modo di diventare ricchi. Una cosa terribile. Idolatria.

Ecco degli esempi qui, qui e qui

In rete è pieno di nefandezze simili.

Tradurre male un versetto (o comunque in modo riduttivo) significa perdere una possibilità di fare catechesi ai fedeli mettendoli in guardia dall’idolatria diabolica, dall’invocare i demoni (perché molti lo fanno e non si rendono neanche conto, poi vanno a fare anche la Comunione).

Mammona è un vero e proprio demonio, che MOLTI tutt’oggi invocano, con rituali, talismani e stregonerie varie.

Con questa traduzione errata si perde un’occasione per catechizzare correttamente.

Sorge una domanda: i neotraduttori 2008 credono nell’esistenza del demonio? Facendo una ricerca veloce anche in Mt 6,24, il passo parallelo, la 2008 traduce con “ricchezza”, mentre tutte le altre versioni, soprattutto il testo originale greco, riportano “mammona”.

A voi lettori lascio tutte le conclusioni.

Investigatore Biblico

3 pensieri su “Indizio n.101 Bibbia CEI 2008: “Anche il termine ‘mammona’ sostituito dai traduttori: vero e proprio depistaggio teologico” di INVESTIGATORE BIBLICO

  1. Il buon uso del denaro

    9 Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand’essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne.
    10 Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto; e chi è disonesto nel poco, è disonesto anche nel molto.
    11 Se dunque non siete stati fedeli nella disonesta ricchezza, chi vi affiderà quella vera? 12 E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
    13 Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire a Dio e a mammona”.

    "Mi piace"

  2. Il buon uso del denaro

    9 Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand’essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne.
    10 Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto; e chi è disonesto nel poco, è disonesto anche nel molto.
    11 Se dunque non siete stati fedeli nella disonesta ricchezza, chi vi affiderà quella vera? 12 E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
    13 Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire a Dio e a mammona”.

    Tobia 4,7-11
    7 Dei tuoi beni fà elemosina. Non distogliere mai lo sguardo dal povero, così non si leverà da te lo sguardo di Dio. 8 La tua elemosina sia proporzionata ai beni che possiedi: se hai molto, dá molto; se poco, non esitare a dare secondo quel poco. 9 Così ti preparerai un bel tesoro per il giorno del bisogno, 10 poiché l’elemosina libera dalla morte e salva dall’andare tra le tenebre. 11 Per tutti quelli che la compiono, l’elemosina è un dono prezioso davanti all’Altissimo.
    Amos 8,4-7

    Contro i fraudolenti e gli sfruttatori

    4 Ascoltate questo, voi che calpestate il povero
    e sterminate gli umili del paese,
    5 voi che dite: “Quando sarà passato il novilunio
    e si potrà vendere il grano?
    E il sabato, perché si possa smerciare il frumento,
    diminuendo le misure e aumentando il siclo
    e usando bilance false,
    6 per comprare con denaro gli indigenti
    e il povero per un paio di sandali?
    Venderemo anche lo scarto del grano”.
    7 Il Signore lo giura per il vanto di Giacobbe:
    certo non dimenticherò mai le loro opere.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...